Iscriviti alla nostra newsletter

Riceverai un codice sconto del 5% sul tuo primo acquisto online!

Iscriviti
Un'offerta per te!

Eventi

19.11.2020

Presentazione libro “Terra. Ultima chiamata”

La Fondazione Benetton Studi Ricerche propone, venerdì 20 novembre alle ore 18, sulla piattaforma Zoom, la presentazione online del volume Terra. Ultima chiamata, a cura dello scrittore e giornalista, già direttore della rivista «Airone», Salvatore Giannella, edito da Antiga Edizioni nel 2020.

Introduce Luigi Latini, presidente del Comitato scientifico della Fondazione Benetton.

Intervengono Roberto De Martin, presidente dell’associazione “Premio Letterario Giuseppe Mazzotti”; Andrea Simionato, responsabile Antiga Edizioni; Edoardo Borgomeo, ricercatore esperto nella gestione dell’acqua all’Università di Oxford.

Coordina Salvatore Giannella.

Per partecipare all’incontro su Zoom ci si deve iscrivere attraverso l’apposito link pubblicato nei canali social e nel sito della Fondazione Benetton Studi Ricerche, www.fbsr.it.

Il libro, insieme ad altri qualificati interventi, raccoglie gli atti del convegno Mai più l’ambiente preso in giro, organizzato il 20 e 21 settembre 2019 ad Asiago (Vicenza) dall’associazione “Premio Letterario Giuseppe Mazzotti” e dedicato alla principale sfida dell’umanità: il mutamento climatico globale.

Con contributi di Salvatore Giannella, Roberto Rigoni Stern, Sergio Frigo, Roberto De Martin, Luca Mercalli, Claudio Smiraglia, Richard Samson Odingo, Paola Favero, Paolo Spigariol, Giovanni Onore, Gianfranco Bologna, Massimiliano Vavassori, Dante Colli, Umberto Andretta, Antonella Fornari, Davide Fiore, Enrico De Mori, Giulia Maria Crespi, Franco Iseppi, Raffaele Marini, Gabriele Centazzo, il volume presenta una diagnosi aggiornata per capire lo stato del pianeta, visto da parte sia dei grandi divulgatori scientifici sia dei giovani della generazione Greta.

Il convegno Mai più l’ambiente preso in giro è stato organizzato nell’ambito del progetto “Mazzotti Contemporaneo”, teso a far emergere gli attuali protagonisti, degni eredi spirituali di Giuseppe Mazzotti, che si sono particolarmente distinti in studi, ricerche, scoperte, realizzazioni e iniziative varie a difesa dell’ambiente, in ambito nazionale e internazionale.

 

Approfondimenti

Acquista il volume
30.07.2020

Presentazione del libro “Convivio” di Lucio Carraro

Giovedì 30 luglio, alle ore 20:00 si terrà la presentazione del volume

“Convivio. Benvenuti a tavola” di Lucio Carraro, edito da Antiga Edizioni

Durante la serata, su prenotazione obbligatoria (tel. 0423 86429 – lecorderie@gmail.com, costo 40 euro a persona), sarà presente l’autore, Lucio Carraro.

Francesca Gallo accompagnerà i racconti dell’autore con la sua fisarmonica.

Il menù della serata prevede:

gallina in saor con mimosa d’uovo, tuorlo affumicato e funghi cardoncelli

chiocciola di grano arso con farcia di ricotta su ragù di verdure

petto di faraona in salsa pevarada, erbe cotte e polenta di mais biancoperla

tiramisù

 

In omaggio a tutti il libro “Convivio. Benvenuti a tavola”.

Vi aspettiamo numerosi.

Approfondimenti

Acquista il volume

Rassegna Stampa

19.11.2020

Tipoteca. Una storia italiana vince il Premio Gambrinus “Giuseppe Mazzotti” 2020

Siamo lieti di annunciare che il volume Tipoteca. Una storia italiana ha vinto il premio Gambrinus Mazzotti 2020, nella sezione “Artigianato di tradizione”, con riconoscimento alla qualità letteraria e iconografica dell’opera, ma anche al valore storico e sociale dei venticinque anni della fondazione privata dei fratelli Antiga: Tipoteca Italiana.

«Un buon libro è una pietra miliare, segna un punto di riferimento nello spazio e nel tempo. E chi i libri li stampa quotidianamente e conosce bene questo mestiere, sa che un libro è naturalmente lo strumento più appropriato per fissare sulla carta una storia» (Lucio Passerini).
L’occasione dei primi cinquant’anni di storia d’impresa di Grafiche Antiga offre il valido pretesto per dar vita a un’opera, ricca di immagini e di contenuti, che ripercorre non soltanto la storia del museo, ma soprattutto pone sotto i riflettori materiali e documenti di assoluto valore. E il libro stesso diventa viaggio nella stampa, con l’accorto uso di carte e tecniche che sanno dare “carattere” al libro stampato nell’era digitale, a partire soprattutto dai tre inserti stampati in tipo-impressione con caratteri storici dell’archivio di Tipoteca.
Disegnato dal grafico londinese Simon Esterson, con il racconto visivo del fotografo Claudio Rocci e i testi di studiosi italiani e stranieri, Tipoteca. Una storia italiana è un omaggio alla bellezza del libro e della tipografia, con accento particolare sui caratteri e sulle macchine, un autentico patrimonio storico salvato da Tipoteca e reso ancora fruibile al pubblico grazie ad anni di impegno e passione.

Approfondimenti

Acquista il volume
05.06.2020

Salvare la carta o la carne

di Matteo Moca, “L’Indice dei libri” di maggio

Ci sono scrittori che quasi nascondono le loro biblioteche, altri invece che ne donano il contenuto affinché i titoli siano conservati. Ma ci sono anche casi in cui le biblioteche degli autori percorrono un itinerario che non dipende dalle loro decisioni e così i libri posseduti, consultati, letti o annotati finiscono per andare perduti, finché non intervengono l’attenzione dei ricercatori e un poco di fortuna. Quest’ultima situazione è simile a ciò che è accaduto alla biblioteca della famiglia Michelstaedter, quella del padre Alberto e quella di Carlo, tragico e illuminante scrittore morto suicida nel 1910. La cassa dei libri racconta in maniera appassionante la storia di questi volumi, una storia segnata dalla violenza nazista contro gli ebrei, e ritrae anche alcuni personaggi luminosi di questa tragica vicenda.
Nell’ottobre del 1943 e con i nazisti già stanziati a Gorizia, la sorella Elda, che vive con la madre quasi novantenne Emma Luzzatto Coen Michelstaedter, deve decidere cosa fare, se provare a salvare loro stesse o i libri della famiglia, se “salvare la carta o la carne”. A Elda, “ragazza molto intelligente, energica ma di temperamento nervoso”, come la descrive la sorella Paula, dopo l’8 settembre resta sempre meno tempo: il 17 ottobre 1943, giorno dell’anniversario della morte del fratello, sceglie i libri dagli scaffali, li mette in un baule, scrive a macchina un Piccolo elenco dei libri di famiglia e li affida a persone amiche con un triste biglietto: “Da tenere con cura e in grave caso da dare a mia sorella Paula”. Il grave caso è ovviamente quello della deportazione che Elda non ha coraggio di enunciare: ma è quello che succede a lei e alla madre, partite, senza più fare ritorno, il 23 novembre in direzione di Auschwitz. Quando Paula, terminata la guerra, tornerà a Gorizia, ritroverà gli autografi di Carlo, mentre nessuno le restituirà il cassone preparato dalla sorella, disattendendo così la richiesta del biglietto. Da tale momento iniziano le peripezie di questi libri, una storia avvincente che si può leggere nello studio in esame e che ha due momenti fondamentali: un primo ritrovamento di una parte della biblioteca nel 2013 (a cui Sergio Campailla, lo studioso di gran lunga più importante dell’opera di Carlo Michelstaedter, ha dedicato nel 2015 un volume collettaneo per i tipi Olschki, La biblioteca ritrovata), e un secondo nel 2018, opera di Simone Volpato, “grande esploratore di fondi”, che tra le pagine dei libri ha trovato anche i due fogli dattiloscritti del Piccolo elenco dei libri di famiglia redatto da Elda. Si può allora lavorare anche in negativo, vedendo cosa manca (“la maggiore delle sorprese”, così la definisce Campailla, L’interpretazione dei sogni di Freud) e valutando il valore di queste opere nella formazione del giovane filosofo.
Questo libro raccoglie, oltre al saggio di Campailla che non nasconde un sentimento di rammarico per la dispersione dei volumi, un profilo di Alberto Michelstaedter di Alberto Brambilla, un approfondito ritratto di Elda di Antonella Gallarotti, il racconto della ricerca di Simone Volpato, il contenuto del ritrovamento di Marco Menato, un’accurata biblioteca virtuale del filosofo di Antonella Gallarotti e, infine, le vicende del Michelstaedter lettore alla Biblioteca centrale di Firenze di Alessandra Toschi. Tra le immagini che chiudono il volume, oltre a quella della cassa dei libri, c’è una bella fotografia di famiglia che ritrae le sue donne, Emma, Paula ed Elda, forti e fedeli custodi del tesoro michelstaedteriano.

LA CASSA DEI LIBRI
La famiglia Michelstaedter e la Shoah
a cura di Marco Menato e Simone Volpato
pp. 232, € 20,
Antiga Edizioni, Crocetta del Montello TV 2019

 

 

 

 

 

 

Approfondimenti

Acquista il volume