Benvenuto Accedi
oppure Registrati

Cerca un libro

Le collane

Oggi puoi iniziare subito a leggere: basta un click!

I nostri eBook sono disponibili in diversi formati e sono distribuiti sui principali store online

Per saperne di più...

Scheda

Home / catalogo / collane / Scheda
Email facebook twitter

Fotografia | Varia|Fotografia

Percorsi veneziani nel Mediterraneo 2

Prezzo: 49.00€ (-15%) 41.65 €

Percorsi veneziani nel Mediterraneo 2

Sistemi di difesa, rotte commerciali e insediamenti

  • Collana: Varia|Fotografia
  • Pagine: 228
  • Immagini: 200 a colori
  • Fotografo: M. Fatih Demirhan
  • Formato: 30x32,5
  • Confezione: cartonato
  • ISBN: 978-88-6322-199-2
  • Note:

    Edizione trilingue: italiano/inglese/turco

     

Il libro

Il secondo volume dei Percorsi veneziani nel Mediterraneo ci accompagna tra le coste ed i porti dell’Asia Minore in luoghi misteriosi e lontani che sono stati parte integrante di uno “spazio veneto-veneziano”; l’itinerario meridionale (che completa il precedente dedicato alla parte settentrionale) si snoda lungo le coste anatoliche del Mar Egeo e del Mar Bianco (Mar Mediterraneo meridionale), da Babakale a Alessandretta (Iskenderun).

Uno sguardo attento alle architetture civili, alle fortificazioni e alle strutture portuali militari, infatti, lascia intravvedere continui richiami all’arte e alla cultura della civiltà veneta.

Furono gli intensi rapporti diplomatici e commerciali a tessere la rete che collega Venezia alle terre dell’attuale Turchia, creando uno scambio di espressioni artistico-culturali, di memorie e tradizioni, di problemi e strategie condivise da questi Paesi affacciati sul mare, apparentemente così diversi ed in continua contrapposizione.

Quest’opera intende dunque riscoprire e valorizzare il costante dialogo tra Occidente ed Oriente ed offrire nuove prospettive di comprensione e studio del nostro straordinario passato. 

Scorrendo queste pagine ricche di immagini e di suggestioni si può chiudere quel cerchio di relazioni commerciali, economiche, culturali, ma soprattutto umane, che nella stessa Venezia trovano nel “Fontego dei Turchi” il loro punto terminale.