Benvenuto Accedi
oppure Registrati

Cerca un libro

Le collane

Oggi puoi iniziare subito a leggere: basta un click!

I nostri eBook sono disponibili in diversi formati e sono distribuiti sui principali store online

Per saperne di più...

Scheda

Home / catalogo / collane / Scheda
Email facebook twitter

Saggistica | Collana editoriale della Fondazione Benetton Studi Ricerche Memorie

Skrudur, Nupur

Prezzo: 18.00€ (-15%) 15.30 €

Skrudur, Nupur

Premio Internazionale Carlo Scarpa per il Giardino 2013

  • A cura di: Patrizia Boschiero, Luigi Latini e Domenico Luciani
  • Collana: Collana editoriale della Fondazione Benetton Studi Ricerche Memorie
  • Pagine: 176
  • Immagini: 148 illustrazioni a colori e in bianco e nero
  • Formato: 21x29,6
  • Confezione: cartonato con sovracoperta
  • ISBN: 978-88-97784-17-3
  • Note: Coedizione Fondazione Benetton Studi Ricerche - Antiga Edizioni. Versione italiano

Il libro

La Fondazione Benetton Studi Ricerche promuove annualmente, dal 1990, una campagna di attenzioni verso un luogo particolarmente denso di valori di natura, di memoria e di invenzione.
Il vincitore dell’edizione 2013 è Skrúður (Skrudur), un orto riposto sulla riva di uno dei fiordi che solcano la regione nord-occidentale dell’Islanda, a pochi chilometri dal circolo polare artico. Adagiato su un declivio che guarda a sud-ovest verso la lingua d’acqua del Dýrafjörður, è circondato alle spalle dalla cortina solenne di montagne dai fianchi mossi dall’erosione glaciale e a valle da un terreno brullo che digrada verso la riva del fiordo. Con la scuola, la chiesa e la fattoria di Núpur compone un luogo nel quale una comunità ha avviato all’inizio del XX secolo un progetto che in questa terra si presenta come sfida a condizioni ambientali estreme e a pressanti istanze di miglioramento della condizione umana: coltivare la terra e avere cura di un processo indirizzato alla conoscenza, all’educazione e all’elevazione sociale. Skrúður è in sé un presidio e un crogiuolo: il suo recinto descrive una condizione che cerca un punto di contatto tra due mondi, quello della confidenza e della fiducia nel coltivare la terra, e quello dello sguardo cosciente sulla vastità di luoghi che accompagnano la stessa esperienza umana.