Benvenuto Accedi
oppure Registrati

Cerca un libro

Le collane

Oggi puoi iniziare subito a leggere: basta un click!

I nostri eBook sono disponibili in diversi formati e sono distribuiti sui principali store online

Per saperne di più...

Cerca

Home / catalogo / Cerca
Email facebook twitter

Arte | I luoghi della modernità

Nelle cucine di Andrea Palladio

Prezzo: 60.00€ (-15%) 51.00 €

Nota: questa voce è attualmente esaurita.

Per avere informazioni in merito ad una eventuale ristampa, ti invitiamo a contattarci.

Giuseppe Barbieri

Nelle cucine di Andrea Palladio

La riflessione dell’architettura e il luogo del progetto gastronomico

  • Collana: I luoghi della modernità
  • Pagine: 160
  • Immagini: 203 immagini a colori
  • Formato: 30 x 28,5 cm
  • Confezione: cartonato
  • ISBN: 978-88-6322-021-6

Il libro

Un prestigioso quanto insolito volume: architettura e cucina, due arti o scienze che hanno in comune molto più di quanto sembri. Giuseppe Barbieri, professore di Storia dell’Arte Moderna all’Università Ca’ Foscari di Venezia, curatore del volume e della nuova collana I luoghi della modernità, racconta, con parole e immagini, la storia della progettualità dei luoghi e dei sapori, la riflessione dell’architettura rinascimentale sulle cucine degli antichi e il nuovo ruolo che la stanza assume nelle residenze dell’età moderna, partendo da colui che è considerato il più grande architetto di tutti i tempi, Andrea Palladio, e da Bartolomeo Scappi, cuoco privato di Pio V, che pubblica uno dei più importanti trattati di cucina nello stesso anno in cui vedono la luce I quattro libri dell’architettura dello stesso Palladio.
L’intrigante parallelo tra la figura dell’architetto e quella del cuoco si riflette nella seconda parte del volume, con cinque “progetti gastronomici” appositamente realizzati da altrettanti chef di fama nazionale: non semplici ricette, ma i percorsi della mente che portano oggi a concepire e realizzare un grande piatto. Infine, una decina di chef si sono divertiti a “tradurre” alcune ricette del Cinque e del Seicento, aggiornando le tecniche di cottura, scomponendo e ricomponendo gli elementi, fino a ottenere risultati di cui i lettori – e i gourmet – rimarranno di certo stupiti.